Aumenta il carattere: А А А

Il Papa: l'amicizia con Bartolomeo I nata dalle sfide che ci uniscono (Izzo)

Autore: Salvatore Izzo
Lo scrive Papa Ratzinger nel messaggio
"Un'amicizia sincera e' nata tra noi con una grande visione comune delle responsabilita' alle quali siamo chiamati come cristiani e come pastori del gregge che Dio ci ha affidato". 
 
Lo scrive Papa Ratzinger nel messaggio a Bartolomeo I, consegnato a Istanbul dal cardinale Kurt Koch che guida la delegazione inviata dalla Santa Sede in occasione della Festa di Sant'Andrea, patrono del Patriarcato Ecumenico. 
 
"Fare arrivare l'annuncio dell'amore misericordioso di Dio all'uomo del nostro tempo, spesso distratto, piu' o meno incapace di una riflessione profonda sul senso della propria esistenza, preso da progetti e utopie che non possono che lasciarlo deluso", e' in particolare "la sfida urgente" che unisce la Chiesa di Roma e quella di Costantinopoli. Ma essa rappresenta anche "il motivo di una grande speranza perch si sviluppi una collaborazione sempre piu' grande, nel compito urgente di dare con rinnovato vigore testimonianza del messaggio evangelico al mondo contemporaneo".
 
Benedetto XVI torna inoltre a ringraziare il patriarca Bartolomeo I per la sua partecipazione e le parole pronunciate in occasione del 50esimo anniversario dell'apertura del Concilio Vaticano II.
 
Per Benedetto XVI, "lo scambio di delegazioni tra la Chiesa di Roma e la Chiesa di Costantinopoli che si rinnova ogni anno in occasione delle rispettive feste patronali di Sant'Andrea, al Fanar, e dei Santi Pietro e Paolo, a Roma", e  testimonia "in maniera concreta il legame di prossimita'" che unisce Papa e Patriarca Ecumenico,  "una comunione profonda e reale, benche' ancora imperfetta che si fonda non su ragioni umane di cortesia o convenienza, ma sulla fede comune nel Signore Gesu'". 
 
Una volonta che "anche se la strada da percorrere puo' sembrare ancora lunga e difficile resta immutata". 
Condividi:


Scriveteci

×